10 Dez

Market Wrap: Bitcoin recupera a $18.2K mentre il succo di Market Dynamics

La Bitcoin sta tenendo poco più di 18.000 dollari, ma gli analisti si sono mischiati su dove si dirigerà, il valore totale bloccato di DeFi sembra avere slancio, ma questo potrebbe avere a che fare con le condizioni del mercato cripto.

Bitcoin (BTC) sta negoziando circa $18.355 alle 21:00 UTC (4 p.m. ET). Scendendo dell’1,9% rispetto alle 24 ore precedenti.
L’intervallo delle 24 ore di Bitcoin: $17.630-$18.836 (CoinDesk 20)
BTC è vicina alla sua media mobile di 10 giorni e al di sotto dei 50 giorni, un segnale laterale per i tecnici del mercato.

Il prezzo del bitcoin è sceso per il terzo giorno consecutivo di questa settimana, scendendo fino a 17.630 dollari mercoledì, secondo i dati di CoinDesk 20. Il prezzo è rimbalzato un po‘ a 18.355 dollari al momento della stampa.

Per saperne di più: Il mercato delle opzioni di Bitcoin è ribassato come prezzo a pronti perde terreno

Iscrivendoti, riceverai delle e-mail sui prodotti CoinDesk e accetti i nostri termini e condizioni e la nostra politica sulla privacy.

„Ovviamente ora stiamo vedendo l’impatto dell’esaurimento temporaneo rialzista“, ha detto Andrew Tu, un dirigente della crypto quant trading firm Efficient Frontier. „Dopo non essere riuscito a rompere più volte l’importante cifra psicologica di 20.000 dollari, dopo essere stato trattenuto ripetutamente tra i 19.000 e i 20.000 dollari nelle ultime due settimane, ora stiamo assistendo a una correzione per BTC“.

Il 3 dicembre, secondo il CoinDesk 20, il bitcoin ha raggiunto un massimo di 19.464 dollari prima di crollare.

„Nel medio periodo, le continue notizie rialziste da parte degli attori istituzionali, come il recente rapporto della Wells Fargo, dovrebbero far salire il prezzo oltre la resistenza di 20.000 dollari, supponendo che il panorama macro non cambi drasticamente“, ha aggiunto Tu.

Per saperne di più: Perché la Wells Fargo non consiglia Bitcoin ai clienti

„La recente corsa da 10.000 dollari è stata guidata principalmente dai volumi a pronti, dato che le istituzioni finanziarie statunitensi stanno acquistando sempre più bitcoin“, ha detto Jason Lau, Chief Operating Officer della borsa valori OKCoin di San Francisco. „Questo significa che i fondi non sono eccessivamente estesi sulla leva finanziaria in questo momento come nei rally precedenti e che queste istituzioni hanno capitali da impiegare per acquistare eventuali perdite“.

Il volume totale delle principali borse di CoinDesk 20 è stato più alto mercoledì di qualsiasi altro giorno di questa settimana, a 1,3 miliardi di dollari al momento della stampa.

„Dal momento che bitcoin non ha infranto la soglia dei 20.000 dollari, abbiamo iniziato ad assistere ad un indebolimento della tendenza rialzista“, ha detto Jean Baptiste Pavageau, partner della società di trading ExoAlpha.

Secondo i dati di Skew, i tassi di finanziamento per le posizioni long con leva finanziaria sono in calo, indicando una tendenza più ribassista. Questo perché i trader sembrano essere alla ricerca di una maggiore esposizione al ribasso rispetto al posizionamento rialzista alimentato da razzi.

„Ci aspettiamo che il prezzo torni a testare $16.000 prima e che rimbalzi sul suo maggiore supporto a $13.000 in caso di ulteriori correzioni“, ha aggiunto Pavageau. „Il trend rialzista sarebbe ancora intatto su scala più ampia dalla seconda parte di quest’anno“.

DeFi ha „bloccato“ la metrica vicino al massimo storico
L’etere (ETH), la seconda valuta più grande per capitalizzazione di mercato, è aumentata mercoledì, scambiando circa 573 dollari e salendo dell’1,8% in 24 ore a partire dalle 21:00 UTC (4:00 p.m. ET).

L’importo „bloccato“ nella finanza decentralizzata basata sull’Ethereum, o DeFi, ha flirtato per la prima volta con un massimo storico di 15 miliardi di dollari, secondo l’aggregatore di dati DeFi Pulse. Il valore „bloccato“ in DeFi fornisce a questi protocolli liquidità. A sua volta, gli investitori ottengono un „rendimento“ sulle loro attività, di solito quotate in termini di rendimento percentuale medio (APY) su tali attività.

Con l’esaurimento, la quantità di etere bloccato si aggira ancora intorno ai 7 milioni di ETH totali.

Nel frattempo, la quantità di bitcoin bloccato è diminuita per la maggior parte del mese scorso ed era a 162.703 BTC al momento della stampa.

John Willock, amministratore delegato di Tritum, una società di investimento diversificato di crittografia, dice che le dinamiche di mercato stanno giocando un ruolo nel valore totale bloccato vicino ai 15 miliardi di dollari, mentre la crittografia sembra essere stata ritirata da DeFi.

„Il valore totale in termini di dollari delle attività bloccate in DeFI è fortemente influenzato dalla variazione di prezzo di ETH, BTC e, in misura minore, dalla lunga lista di altri gettoni crittografici non stabili che circolano nell’ecosistema“, ha detto Willock. „La spinta al rialzo dei prezzi e il sentimento positivo guidano gran parte dell’attività di inseguimento delle opportunità speculative in tutti i crypto, e DeFi è molto simile“.

Altri mercati
Gli asset digitali sul CoinDesk 20 sono misti mercoledì. Notevoli vincitori a partire dalle 21:00 UTC (16:00 p.m. ET):

stellare (XLM) + 9,2 %.
ethereum classic (ETC) + 6%.
collegamento a catena (LINK) + 2,3 %.
Perdenti notevoli:

orchidea (OXT) – 6,1%
rete omg (OMG) – 1,5%.
rete kyber (KNC) – 1,5
Leggi di più: Bitfury a vendere la sua quota del 38% in Bitcoin Miner Hut 8

Azioni:

Il Nikkei 225 dell’Asia è salito dell’1,3%, poiché il vaccino contro il coronavirus è stato distribuito e il potenziale stimolo degli Stati Uniti ha spinto gli investitori a premere il pulsante per l’acquisto in Giappone.
L’FTSE 100 dell’Europa ha concluso la giornata in bianco, in verde dello 0,08%, mentre i funzionari si affannano nella speranza di finalizzare un possibile accordo Brexit, lasciando gli investitori incerti.
Negli Stati Uniti l’S&P 500 è sceso dello 0,90%, mentre il sell-off dei titoli tecnologici ha portato l’indice al ribasso nonostante un certo ottimismo su un pacchetto di stimolo.
Materie prime:

Il petrolio è stato piatto, in crescita dello 0,08%. Prezzo al barile del greggio intermedio del Texas occidentale: 45,62 dollari.
L’oro era in rosso dell’1,6% e a 1.838 dollari al momento della stampa.
Tesoro:

Il rendimento dei titoli del Tesoro statunitense a 10 anni è salito mercoledì saltando allo 0,939 e nel verde al 2,1%.

10 Dez

Il rally dei prezzi Bitcoin è a rischio in quanto l’oro e il dollaro USA mostrano segni di ripresa

Gli analisti avvertono che una ripresa dell’oro e dell’indice del dollaro statunitense potrebbe avere un impatto negativo sulla dinamica rialzista di Bitcoin.

Dan Tapiero, il co-fondatore della 10T Holdings, ha detto che nel mercato dell’oro sono state strette le mani deboli. Questo aumenta la probabilità di un rally dell’oro a breve termine, soprattutto perché si tratta di un periodo di ritiro di 80 giorni.

Un rally dell’oro e del dollaro potrebbe smorzare il prezzo dei Bitcoin

La Bitcoin ha avuto un forte impulso negli ultimi tre mesi, avendo raggiunto il massimo storico su Coinbase e su una serie di altri importanti scambi.

Nonostante questo, la minaccia di una correzione per il Bitcoin è una possibilità reale se l’oro comincia a rimbalzare in tandem con il dollaro americano.

Secondo Tapiero, la più grande liquidazione di tre settimane di sempre nel mercato dell’oro aumenta la probabilità di un rialzo. Ha scritto:

„Molto rialzista per #oro. La più grande liquidazione di MAI 3 settimane appena avvenuta. Mani deboli ripulite. 25 miliardi di dollari sono andati in azioni EM, molto di più in azioni USA. Solo 8 miliardi di dollari in oro. Forse una piccola quantità in #bitcoin. #BTC non è ancora abbastanza grande per essere una macro classe di attività… ma arriverà presto“.

Alcuni potrebbero considerare il recupero dell’oro un fattore positivo per Bitcoin nel medio termine. Dal momento che sempre più investitori stanno iniziando a riconoscere BTC come un deposito di valore, la tendenza al rialzo dell’oro potrebbe avvantaggiare la crittovaluta.

Tuttavia, c’è un caso più forte che il rally del Bitcoin ha coinciso con grandi deflussi di oro, come ha riportato il Cointelegraph. Ciò significa che un importante rally dell’oro potrebbe avere un impatto sulla dinamica a breve termine di BTC.

La tendenza parabolica al rialzo delle azioni statunitensi è un altro fattore

Il mercato azionario statunitense continua a riprendersi grazie alla liquidità senza precedenti della banca centrale. La combinazione di un’inflazione media e di condizioni finanziarie rilassate ha spinto le azioni ai massimi storici.

Di conseguenza, Jan Nieuwenhuijs, un ricercatore finanziario indipendente del The Gold Observer, ha riferito che i titoli statunitensi hanno avuto il loro mese migliore dal 1987.

C’è la possibilità che la continua tendenza al rialzo dei titoli statunitensi renda meno convincenti, nel breve termine, gli altri asset di rischio e rischio-off. Potrebbe anche rendere BTC un’operazione meno urgente sia per gli investitori al dettaglio che per quelli istituzionali nel prossimo futuro.

Al momento, molti trader ritengono che Bitcoin sia a rischio di vedere un ritiro più profondo a 18.600 dollari a seguito del suo recente rifiuto.

Michael van de Poppe, trader a tempo pieno alla Borsa di Amsterdam, ha dichiarato che il calo di BTC da 19.100 dollari con una forte reazione da parte dei venditori rende probabile un calo maggiore. Ha scritto:

„Non è riuscito a superare i 19.400 dollari come breaker cruciale, dopo di che si è verificato un calo verso i 18.800 dollari. L’area da 19.100 dollari è stata immediatamente respinta e la probabilità di un calo verso i 18.600 dollari aumenta“.

Bitcoin (BTC) è a rischio di un ritiro, poiché gli analisti prevedono che l’oro vedrà una grande ripresa. Il metallo prezioso ha sottoperformato contro BTC nelle ultime settimane, poiché la valuta dominante della crittografia ha visto un rally guidato dalle istituzioni.